CANTIEREMEMORIA 18/19 > Transumanze

 

 

Un mese di installazioni, spettacoli e concerti a Casa della Memoria dal 4 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019
Via Federico Confalonieri 14, Milano- c.casadellamemoria@comune.milano.it - 02 88444102 - Ingresso libero tutta la giornata

 

 

 

     

CONCERTI



Venerdì 7 dicembre ore 21.00

E.V.O. TRIO CONCERTO



Un repertorio di ricerca che spazia da Coltrane a Wayne Shorter e Miles Davis, rivisitati attraverso sonorità moderne e una resa onirica ed evocativa, ricca di spazi d'improvvisazione.
Con Giorgio Zanier (batteria); Alessandro Degasperi (chitarra); Michele Guaglio (basso).


Domenica 9 dicembre ore 21.00

FASE HOBART - OMAGGIO A PIPPA BACCA



In occasione di quello che sarebbe stato il compleanno dell'artista Pippa Bacca si svolgerà una serata di musica, con i Fase Hobart che porteranno il pubblico alla scoperta di tradizioni musicali appartenenti a regioni lontane, anche di epoche passate. Il programma comprende brani inediti e originali che passano agilmente dalle sonorità balcaniche e medio-orientali al free-jazz: improvvisazione pura.
Con Marco Pisi (chitarre e bouzouki); Virginia Sutera (violino); Daniele Cortese (contrabasso).


Mercoledì 12 dicembre ore 16.00

MUSICA IN MOVIMENTO 1



Primo appuntamento per ascoltare la musica degli studenti dell' IES ABROAD, l'istituto di formazione universitaria con sede a Chicago e 40 succursali in tutto il mondo, presente anche a Milano dal 1997 sotto la guida del M° Roberto Andreoni.


Venerdì 14 dicembre ore 21.00

TEMPORARY FILES



Il programma Temporary Files richiama alla mente il mondo della cultura digitale, dove il lavoro è sempre in progress e può venire registrato istante per istante, lasciando comunque una traccia riprendibile. Qui in progress è la musica, che fluisce liberamente all'interno di un processo creativo "a due", senza partitura, ma solidamente basata su una profonda fiducia e conoscenza del partner. Una proposta insolita, che non ha uguali per originalità e scioltezza nell'esecuzione, a cura dei musicisti Giuliano Prada al flauto traverso e Fabio Soragna al pianoforte.


Mercoledì 19 dicembre ore 16.00 ​​​​​​​

MUSICA IN MOVIMENTO 2


Secondo appuntamento con la musica di giovani studenti, questa volta provenienti dalla Civica Scuola di Musica "Claudio Abbado" di Milano. Eseguiranno un laboratori o sul '900, ma non solo!


Venerdì 21 dicembre ore 21.00

IL GIORNO, POI LA NOTTE



Alessandro Centolanza insieme al gruppo degli Splendidi presenta un concerto diviso in tre atti che vanno a scandire tre momenti topici di una qualunque giornata: mattina, pomeriggio e notte.
Musicalmente lo spettacolo spazia da situazioni più acustiche e jazzate, passando a scenari acidi ed elettrici, fino a giungere ai notturni dell'ultima parte dello spettacolo.
Gli Splendidi sono: Alessandro Centolanza (voce, chitarra, pianoforte, colpi di testa), Filippo Cuomo Ulloa (chitarra, pianoforte, cori), Tazio Forte (fisarmonica, pianoforte), Arturo Garra (clarinetto), Andrea Jimmy Catagnoli (sax contralto), Vito Zeno (basso elettrico), Stefano Grasso (batteria, xilofono, rumori)


Venerdì 28 dicembre ore 19.00

CONCERTO CONTRABBASSO E PIANOFORTE



Luigi Correnti al contrabbasso e Gloria Griffini al pianoforte, proporranno un repertorio di brani scritti da virtuosi contrabbassisti che esaltano le qualità timbriche, dolci e scure, del più grande degli strumenti ad arco. Un appuntamento musicale da non perdere, che ci condurrà là dove tutto è possibile.
Il programma prevede:
H. Eccles: "Sonata in La min"
D. Dragonetti: "Concerto in La mag"
G. Bottesini: "Grande Allegro di Concerto"
S. Rachmaninoff: "Vocalise"
A. Piazzolla: "Libertango, Oblivion, Milonga dell'angelo"


Domenica 30 dicembre ore 19.00

CONCERTO CONTRABBASSO E PIANOFORTE



Secondo concerto dedicato al contrabbasso con la presenza di Tommaso Fiorini e Gloria Griffini al pianoforte.
Il programma prevede:
Franz Shubert: "Arpeggione Sonata primo movimento"
Giovanni Bottesini: "Concerto no.2 in si minore secondo movimento"
Sergej Koussevitzky: "Concerto in fa# minore primo e secondo movimento"
Giovanni Bottesini: "Elegia in re"


Martedì 1 gennaio ore 19.00

"RADICI" di STEFANO GRASSO FAT TRIO​



"…. Il motore principale è stata la necessità. Penso che ogni cosa che facciamo dovrebbe essere guidata da questo istinto, dal bisogno di fare e in questo caso creare, senza starci troppo a pensare. Ho scelto il piano trio perché a livello timbrico, di registro, tra gli organici piccoli è sicuramente il più completo e inoltre in un momento storico dove si tende a infilare l'elettronica ovunque, questo concerto – che è totalmente acustico – vuole essere anche un omaggio alla tradizione, dal momento che vorrei rendere grazie a Bill Evans, Ahmad Jamal e tanti altri artisti che mi piacciono tantissimo e che porto con me sempre. In più ho scelto questa formazione per la sfida che si cela in questo organico così spoglio, che ti porta a dover cercare di superare sempre questo apparente limite con soluzioni diverse dal consueto…"
Con Marco Confalonieri (pianoforte), Stefano Grasso (batteria), Vito Zeno (contrabbasso).


Mercoledì 2 gennaio ore 19.00

CHRONOCHROMIE



"Chronochromie" è un quintetto d'archi composto da: Elia Leon Mariani, violino; Gabriele Cervia, viola; Simone Ceppetelli, violoncello; Tommaso Fiorini, contrabbasso; Iacopo Rossi, pianoforte.
Presento "Die Forelle", letteralmente "La trota", una composizione di piacevolissimo ascolto che riesce a trasmettere quiete e buonumore, realizzata da Franz Schubert nel periodo più felice della sua vita.


Venerdì 4 gennaio ore 19.00

"DUO" con PINO DISTASO alla chitarra e LUCA COLOMBO al violoncello



Il concerto presenta nuove composizioni di Pino Distaso. La forma scelta è quella del duo, che apre dimensioni di dialogo tra i due strumenti a corda: le diverse sfere sonore della chitarra acustica e del violoncello si fondono o si oppongono nella natura armonica e melodica dei temi trattati.

Sabato 5 gennaio ore 19.00

MITOKA SAMBA



L'orchestra Mitoka Samba, fondata nel 1992, rappresenta oggi il punto di forza dell'omonima associazione culturale che si impegna a diffondere la storia e la cultura brasiliana attraverso la musica.
Si tratta di un'Orchestra interamente formata da strumenti a percussione, tipici delle Baterie di samba: rullante, agogò, pandeiro, surdo, tamborim, timba, caxixì, repinique e cuica. Grazie all'entusiasmo dell'attuale direttore artistico Jacopo Pellegrini, l'orchestra è in continua evoluzione. Al suo interno avviene un costante scambio di esperienze ed
emozioni tra persone di diverse età e professioni, che uniscono le loro energie in un repertorio esplosivo. I suoni e i ritmi presentati tra colori e spontanea allegria, coinvolgono inevitabilmente il pubblico nelle strade, nelle piazze e sui palchi d'Italia!


Domenica 6 gennaio ore 11.00

CONCERTO DI PIANO SOLO con GLORIA GRIFFINI



Programma:
F.Chopin - Notturno op. 9 n. 2; Valzer op. 64 n. 1; Preludio op. 28 n. 3 e n. 4; Fantasia; Improvviso op. 66; Studio op.10 n.3 e n. 12
R.Shumann - dalle "Scene Infantili" op15; "Sogno"
F.Listz - Notturno III - Sogno d'Amore
J.Brahms- Ninna nanna op. 49 n. 4
F.Schubert- Momento Musicale n. 3 op. 94 D780; Improvviso op. 90 n. 3
S.Rachmaninovv - Preludio op. 23 n. 4 n. 5


SPETTACOLI



Martedì 25 dicembre ore 19.00

"ANDIAMO" di TEATRO PANE E MATE



Teatro Pane e Mate ci presenta uno spettacolo per tutti, dove si parla di viaggi e ricordi
Salvatore è il burattinaio che rappresenta tutti i burattinai che al mondo sono stati. E' l'erede di un'arte che accompagna l'uomo fin dai suoi primi passi. E' la storia dei suoi predecessori che si fonde con la sua storia personale, e così narra ed illustra i suoi amici mostrandoli nelle vesti di burattini e raccontando le loro gesta in un presente continuo. Loro sono gli eroi della sua epopea e come gli eroi classici prendono senso non dalla meta finale ma dal percorso e dalle esperienze di vita.


Mercoledì 26 dicembre ore 19.00

"LE VACANZE DEL BRUCO ALIDORO" di e con ALESSANDRA PIERATTELLI



A Santo Stefano vi aspettiamo per uno spettacolo pensato appositamente per i più piccoli, dove si raccontano le avventure del bruco Alidoro alla scoperta del mondo. Un viaggio che lo porterà a scoprire cose nuove, conoscere nuovi amici e a conoscere meglio se stesso, verso la trasformazione che lo farà diventare una bellissima farfalla.
Sembra che i bruchi, una volta trasformati in farfalle, conservino qualche ricordo della loro vita precedente. Forse il colore delle loro ali potrebbe essere un disegno di quello che sono stati. Forse per questo le farfalle sono tutte bellissime e diverse fra loro.


Giovedì 27 dicembre ore 19.00

"NON SEMPRE LE COSE SONO QUELLO CHE SEMBRANO" di e con TEATRO PANE E MATE



Una stradina abbandonata è diventata un deposito di tutte quelle cose che non servono più a nessuno. Lì si incontrano due personaggi: Gianni il musicante e Salva il burattinaio, che da tempo si sono persi di vista. Gianni da tempo conserva un regalo per il suo amico e in quell'occasione finalmente può donarglielo: questo gesto fa tornate a Salvatore, deluso e triste, la voglia di fare spettacolo, anche perché finalmente un vero pubblico è presente in carne ed ossa di fronte a loro. I due amici, con la loro inesauribile fantasia trovano una storia da raccontare e piano piano ogni oggetto dimenticato prende vita... nascono Scarpetta Rossa e il Lupo Baciamano accompagnati da una vera e propria orchestra.
La nonna direbbe che forse il lupo non è più quello delle fiabe di una volta... ma il lupo Baciamano è di certo più romantico.


Sabato 29 dicembre ore 19.00​

"A CAVALLO DI UNO SCHERZO" di e con ZATTERA TEATRO



Una narrazione teatrale sui temi dell'emarginazione, un viaggio interiore alla scoperta del germe del pregiudizio e del razzismo presente in ognuno. Attraverso vari racconti riscopriamo la storia ebraica europea: dal ghetto di Ferrara in Italia, dove gli ebrei si chiedono come fare per rispondere ad un burlone, per arrivare con canti, voci e a un altro ghetto, quello di Varsavia in Polonia, dove un pugno di persone hanno resistito coraggiosamente per vari giorni contro le barbarie naziste. Un racconto orale che vuole dar voce e corpo ad alcune intuizioni dei bambini della Shoah, che con le loro "visioni" hanno potuto scoprire il male oscuro di una peste che si spargeva per il mondo. Testimonianze di un'infanzia calpestata, incapace a ribellarsi a una dittatura violenta e crudele, che cancellò dalla terra le nuove generazioni che credevano in un mondo di giustizia e di pace.
Uno sguardo che rielabora e si domanda sul perché della nascita del pregiudizio e i suoi pericolosi sviluppi, un sguardo che lascia nello spettatore la libertà di chiedersi come affrontare il tema del pregiudizio: contro la razza, contro le malattie, contro la sessualità o contro la libertà di pensiero.


Giovedì 3 Gennaio ore 19.00

"ADAGIO" di e con KARLOS HERRERO



Il mio incontro con la morte e poi la rottura con la mia compagna diedero luogo a un' inondazione che travolse tutto lasciandomi per terra, vuoto. Fu allora che mi appoggiai a Santiago.
Il pupazzo che muovo, Santiago, con la sua vis comica sempre bagnata di malinconia, è più grande e potente di me e mi fa vedere ogni giorno che devo imparare a "non esserci essendoci", a essere spettatore, amare, ma anche qualche lacrima dolce… mi fa sorridere anche di gratitudine e si fa abbracciare.
Un interrogarmi continuo mi ha accompagnato mentre mettevo piede, con Santiago, in territori inesplorati
Qual è l'ambito, la misura? I respiri, i silenzi saranno compresi, compartiti, "convissuti"? oppure il rumore delle parole riempirà i vuoti, spingendo a lato quello che si dice senza parlare, che ha bisogno di un occhio attento per mostrarsi, vivere e spingersi in volo oltre le forme, per espandersi, sparire e connetterci con quell'energia che semplicemente è?


Domenica 6 gennaio ore 19.00

"LA DISFATTA DI RONCISVALLE" di e con TEATRO PANE E MATE



Nello spettacolo di oggi va scena l'incontro casuale di un teatrante ambulante e di un musicista di strada, che viaggia accompagnato da un piccolo orso: insieme ripercorrono la storia dei paladini di Francia nella battaglia di Roncisvalle, proponendo una riflessione sulla guerra e sulla natura ambivalente dell'animo umano.
Lo spettacolo utilizza tecniche miste: pupazzi a stecca e a vista di grandi dimensioni, teatro d'attore, pupi di latta, il tutto accompagnato da musica dal vivo.
Nasce da una ricerca sui testi della Chanson de Roland e del Morgante di Pulci e sulle musiche e gli strumenti tradizionali dell'Aragon, come il chiflo (flauto a tre fori) e il chicoten (salterio a percussione).


INCONTRI



Martedì 4 dicembre ore 18.00

INAUGURAZIONE con "VIATICUM" di PATRIZIA GIANCOTTI



A inaugurare questa terza edizione di Cantierememoria ci sarà Patrizia Giancotti: scrittrice, fotografa e antropologa aprirà lo spazio teatro con VIATICUM, un racconto per immagini che dalla transumanza dell'Aspromonte porta agli esodi di oggi.
Saranno presenti i rappresentanti della associazioni ospitate in Casa della Memoria.


Giovedì 6 dicembre ore 18.00

"UN ESERCIZIO DI MEMORIA"



Il film mostra il "viaggio" di alcuni giovani di oggi, attraverso la città di Vigevano, alla scoperta alcuni episodi della seconda guerra mondiale, guidati da tre loro coetanei, Carlo Gazzo, Giovanni Profili, Salvatore Frasconà, fucilati nel cortile del castello.
Il "viaggio" è l'occasione per approfondire numerosi episodi accaduti in questa area geografica durante la seconda guerra mondiale, ed è il momento di un inizio di presa di coscienza, da parte dei giovani, degli eventi della storia cittadina che sono stati determinanti nel definire la storia successiva. Tale momento è tanto più necessario oggi, in quanto revisionismi, sdoganamenti, mistificazioni storiche, minimizzazioni degli eventi reali, oblio (più o meno organizzato), inducono i giovani ad assumere posizioni di equidistanza ed equiparazione tra vittime e carnefici, se non addirittura di schieramento su posizioni nettamente incostituzionali.

Soggetto di Marco Savini
Sceneggiatura di Marco Savini e Luigi Alcide Fusani
Riprese e Montaggio di Milko Katic
Regia di Luigi Alcide Fusani


Martedì 11 dicembre ore 18.00

"12 DICEMBRE 1969"


In occasione dell'anniversario della strage di Piazza Fontana avvenuta il 12 dicembre del 1969, l'Associazione Piazza Fontana invita alla presentazione del volume sul tema scritto da Mirco Dondi ed edito da Laterza. A conversare con l'autore saranno presenti Guido Salvini e Paolo Colombo.


Giovedì 13 dicembre ore 18.00

"STRANIERI RESIDENTI. PRATICHE DELL'ABITARE E DEL MIGRARE"



Laboratorio di pratiche filosofiche a cura di Susanna Fresko, analista filosofa.
Dopo una visita guidata all'installazione Transumanze si lavorerà insieme attorno al tema dell'abitare e del migrare. Attraverso pratiche corporee e di scrittura, si cercherà di scoprire le risonanze e i risvolti simbolici profondi, individuali e collettivi, del risiedere e dell'ospitare, del sentirsi a casa oppure stranieri, in terra straniera. Dell'andare per il mondo, nel grande mare della vita.
Numero massimo partecipanti: 20. Ingresso libero e gratuito.
Per informazioni e iscrizioni scrivere a info@philovie.it o telefonare al 340/6107546.


Venerdì 14 dicembre ore 14.00

DOCUMENTI RESISTENTI. PER UNA STORIA DELL'ISTITUTO NAZIONALE FERRUCCIO PARRI E LA SUA RETE




Sabato 15 dicembre ore 9.00

DOCUMENTI RESISTENTI. PER UNA STORIA DELL'ISTITUTO NAZIONALE FERRUCCIO PARRI E LA SUA RETE




Martedì 18 dicembre ore 18.00

MEMORIA DA DUE MONDI


Presentazione del volume "Memoria da due mondi. Storia di Stelita, tra dittature sudamericane e libertà", di Manuela Cedarmas e Daniela David, edito da Infinitoedizione.
Il volume ripercorre la straordinaria e rocambolesca avventura di Stelita che nata in Cile sopravvivrà all'Italia fascista e alle dittature sudamericane.


Giovedì 20 dicembre ore 16.30

FARE MEMORIA


A cura dell'associazione AIVITER, l'Associazione Italiana Vittime del Terrorismo e dell'Eversione contro l'ordinamento costituzionale dello Stato, i ragazzi delle scuole superiori raccontano.

 

PROGRAMMA COMPLETO



Martedì 4 dicembre ore 18.00

INAUGURAZIONE con "VIATICUM" di PATRIZIA GIANCOTTI



A inaugurare questa terza edizione di Cantierememoria ci sarà Patrizia Giancotti: scrittrice, fotografa e antropologa aprirà lo spazio teatro con VIATICUM, un racconto per immagini che dalla transumanza dell'Aspromonte porta agli esodi di oggi.
Saranno presenti i rappresentanti della associazioni ospitate in Casa della Memoria.


Giovedì 6 dicembre ore 18.00

"UN ESERCIZIO DI MEMORIA"



Il film mostra il "viaggio" di alcuni giovani di oggi, attraverso la città di Vigevano, alla scoperta alcuni episodi della seconda guerra mondiale, guidati da tre loro coetanei, Carlo Gazzo, Giovanni Profili, Salvatore Frasconà, fucilati nel cortile del castello.
Il "viaggio" è l'occasione per approfondire numerosi episodi accaduti in questa area geografica durante la seconda guerra mondiale, ed è il momento di un inizio di presa di coscienza, da parte dei giovani, degli eventi della storia cittadina che sono stati determinanti nel definire la storia successiva. Tale momento è tanto più necessario oggi, in quanto revisionismi, sdoganamenti, mistificazioni storiche, minimizzazioni degli eventi reali, oblio (più o meno organizzato), inducono i giovani ad assumere posizioni di equidistanza ed equiparazione tra vittime e carnefici, se non addirittura di schieramento su posizioni nettamente incostituzionali.

Soggetto di Marco Savini
Sceneggiatura di Marco Savini e Luigi Alcide Fusani
Riprese e Montaggio di Milko Katic
Regia di Luigi Alcide Fusani


Venerdì 7 dicembre ore 21.00

E.V.O. TRIO CONCERTO



Un repertorio di ricerca che spazia da Coltrane a Wayne Shorter e Miles Davis, rivisitati attraverso sonorità moderne e una resa onirica ed evocativa, ricca di spazi d'improvvisazione.
Con Giorgio Zanier (batteria); Alessandro Degasperi (chitarra); Michele Guaglio (basso).


Domenica 9 dicembre ore 21.00

FASE HOBART - OMAGGIO A PIPPA BACCA



In occasione di quello che sarebbe stato il compleanno dell'artista Pippa Bacca si svolgerà una serata di musica, con i Fase Hobart che porteranno il pubblico alla scoperta di tradizioni musicali appartenenti a regioni lontane, anche di epoche passate. Il programma comprende brani inediti e originali che passano agilmente dalle sonorità balcaniche e medio-orientali al free-jazz: improvvisazione pura.
Con Marco Pisi (chitarre e bouzouki); Virginia Sutera (violino); Daniele Cortese (contrabasso).


Martedì 11 dicembre ore 18.00

"12 DICEMBRE 1969"


In occasione dell'anniversario della strage di Piazza Fontana avvenuta il 12 dicembre del 1969, l'Associazione Piazza Fontana invita alla presentazione del volume sul tema scritto da Mirco Dondi ed edito da Laterza. A conversare con l'autore saranno presenti Guido Salvini e Paolo Colombo.


Mercoledì 12 dicembre ore 16.00

MUSICA IN MOVIMENTO 1



Primo appuntamento per ascoltare la musica degli studenti dell' IES ABROAD, l'istituto di formazione universitaria con sede a Chicago e 40 succursali in tutto il mondo, presente anche a Milano dal 1997 sotto la guida del M° Roberto Andreoni.


Giovedì 13 dicembre ore 18.00

"STRANIERI RESIDENTI. PRATICHE DELL'ABITARE E DEL MIGRARE"



Laboratorio di pratiche filosofiche a cura di Susanna Fresko, analista filosofa.
Dopo una visita guidata all'installazione Transumanze si lavorerà insieme attorno al tema dell'abitare e del migrare. Attraverso pratiche corporee e di scrittura, si cercherà di scoprire le risonanze e i risvolti simbolici profondi, individuali e collettivi, del risiedere e dell'ospitare, del sentirsi a casa oppure stranieri, in terra straniera. Dell'andare per il mondo, nel grande mare della vita.
Numero massimo partecipanti: 20. Ingresso libero e gratuito.
Per informazioni e iscrizioni scrivere a info@philovie.it o telefonare al 340/6107546.


Venerdì 14 dicembre ore 14.00

DOCUMENTI RESISTENTI. PER UNA STORIA DELL'ISTITUTO NAZIONALE FERRUCCIO PARRI E LA SUA RETE




Venerdì 14 dicembre ore 21.00

TEMPORARY FILES



Il programma Temporary Files richiama alla mente il mondo della cultura digitale, dove il lavoro è sempre in progress e può venire registrato istante per istante, lasciando comunque una traccia riprendibile. Qui in progress è la musica, che fluisce liberamente all'interno di un processo creativo "a due", senza partitura, ma solidamente basata su una profonda fiducia e conoscenza del partner. Una proposta insolita, che non ha uguali per originalità e scioltezza nell'esecuzione, a cura dei musicisti Giuliano Prada al flauto traverso e Fabio Soragna al pianoforte.


Sabato 15 dicembre ore 9.00

DOCUMENTI RESISTENTI. PER UNA STORIA DELL'ISTITUTO NAZIONALE FERRUCCIO PARRI E LA SUA RETE




Martedì 18 dicembre ore 18.00

MEMORIA DA DUE MONDI


Presentazione del volume "Memoria da due mondi. Storia di Stelita, tra dittature sudamericane e libertà", di Manuela Cedarmas e Daniela David, edito da Infinitoedizione.
Il volume ripercorre la straordinaria e rocambolesca avventura di Stelita che nata in Cile sopravvivrà all'Italia fascista e alle dittature sudamericane.


Mercoledì 19 dicembre ore 16.00 ​​​​​​​

MUSICA IN MOVIMENTO 2


Secondo appuntamento con la musica di giovani studenti, questa volta provenienti dalla Civica Scuola di Musica "Claudio Abbado" di Milano. Eseguiranno un laboratori o sul '900, ma non solo!


Giovedì 20 dicembre ore 16.30

FARE MEMORIA


A cura dell'associazione AIVITER, l'Associazione Italiana Vittime del Terrorismo e dell'Eversione contro l'ordinamento costituzionale dello Stato, i ragazzi delle scuole superiori raccontano.


Venerdì 21 dicembre ore 21.00

IL GIORNO, POI LA NOTTE



Alessandro Centolanza insieme al gruppo degli Splendidi presenta un concerto diviso in tre atti che vanno a scandire tre momenti topici di una qualunque giornata: mattina, pomeriggio e notte.
Musicalmente lo spettacolo spazia da situazioni più acustiche e jazzate, passando a scenari acidi ed elettrici, fino a giungere ai notturni dell'ultima parte dello spettacolo.
Gli Splendidi sono: Alessandro Centolanza (voce, chitarra, pianoforte, colpi di testa), Filippo Cuomo Ulloa (chitarra, pianoforte, cori), Tazio Forte (fisarmonica, pianoforte), Arturo Garra (clarinetto), Andrea Jimmy Catagnoli (sax contralto), Vito Zeno (basso elettrico), Stefano Grasso (batteria, xilofono, rumori)


Martedì 25 dicembre ore 19.00

"ANDIAMO" di TEATRO PANE E MATE



Teatro Pane e Mate ci presenta uno spettacolo per tutti, dove si parla di viaggi e ricordi
Salvatore è il burattinaio che rappresenta tutti i burattinai che al mondo sono stati. E' l'erede di un'arte che accompagna l'uomo fin dai suoi primi passi. E' la storia dei suoi predecessori che si fonde con la sua storia personale, e così narra ed illustra i suoi amici mostrandoli nelle vesti di burattini e raccontando le loro gesta in un presente continuo. Loro sono gli eroi della sua epopea e come gli eroi classici prendono senso non dalla meta finale ma dal percorso e dalle esperienze di vita.


Mercoledì 26 dicembre ore 19.00

"LE VACANZE DEL BRUCO ALIDORO" di e con ALESSANDRA PIERATTELLI



A Santo Stefano vi aspettiamo per uno spettacolo pensato appositamente per i più piccoli, dove si raccontano le avventure del bruco Alidoro alla scoperta del mondo. Un viaggio che lo porterà a scoprire cose nuove, conoscere nuovi amici e a conoscere meglio se stesso, verso la trasformazione che lo farà diventare una bellissima farfalla.
Sembra che i bruchi, una volta trasformati in farfalle, conservino qualche ricordo della loro vita precedente. Forse il colore delle loro ali potrebbe essere un disegno di quello che sono stati. Forse per questo le farfalle sono tutte bellissime e diverse fra loro.


Giovedì 27 dicembre ore 19.00

"NON SEMPRE LE COSE SONO QUELLO CHE SEMBRANO" di e con TEATRO PANE E MATE



Una stradina abbandonata è diventata un deposito di tutte quelle cose che non servono più a nessuno. Lì si incontrano due personaggi: Gianni il musicante e Salva il burattinaio, che da tempo si sono persi di vista. Gianni da tempo conserva un regalo per il suo amico e in quell'occasione finalmente può donarglielo: questo gesto fa tornate a Salvatore, deluso e triste, la voglia di fare spettacolo, anche perché finalmente un vero pubblico è presente in carne ed ossa di fronte a loro. I due amici, con la loro inesauribile fantasia trovano una storia da raccontare e piano piano ogni oggetto dimenticato prende vita... nascono Scarpetta Rossa e il Lupo Baciamano accompagnati da una vera e propria orchestra.
La nonna direbbe che forse il lupo non è più quello delle fiabe di una volta... ma il lupo Baciamano è di certo più romantico.


Venerdì 28 dicembre ore 19.00

CONCERTO CONTRABBASSO E PIANOFORTE



Luigi Correnti al contrabbasso e Gloria Griffini al pianoforte, proporranno un repertorio di brani scritti da virtuosi contrabbassisti che esaltano le qualità timbriche, dolci e scure, del più grande degli strumenti ad arco. Un appuntamento musicale da non perdere, che ci condurrà là dove tutto è possibile.
Il programma prevede:
H. Eccles: "Sonata in La min"
D. Dragonetti: "Concerto in La mag"
G. Bottesini: "Grande Allegro di Concerto"
S. Rachmaninoff: "Vocalise"
A. Piazzolla: "Libertango, Oblivion, Milonga dell'angelo"


Sabato 29 dicembre ore 19.00​

"A CAVALLO DI UNO SCHERZO" di e con ZATTERA TEATRO



Una narrazione teatrale sui temi dell'emarginazione, un viaggio interiore alla scoperta del germe del pregiudizio e del razzismo presente in ognuno. Attraverso vari racconti riscopriamo la storia ebraica europea: dal ghetto di Ferrara in Italia, dove gli ebrei si chiedono come fare per rispondere ad un burlone, per arrivare con canti, voci e a un altro ghetto, quello di Varsavia in Polonia, dove un pugno di persone hanno resistito coraggiosamente per vari giorni contro le barbarie naziste. Un racconto orale che vuole dar voce e corpo ad alcune intuizioni dei bambini della Shoah, che con le loro "visioni" hanno potuto scoprire il male oscuro di una peste che si spargeva per il mondo. Testimonianze di un'infanzia calpestata, incapace a ribellarsi a una dittatura violenta e crudele, che cancellò dalla terra le nuove generazioni che credevano in un mondo di giustizia e di pace.
Uno sguardo che rielabora e si domanda sul perché della nascita del pregiudizio e i suoi pericolosi sviluppi, un sguardo che lascia nello spettatore la libertà di chiedersi come affrontare il tema del pregiudizio: contro la razza, contro le malattie, contro la sessualità o contro la libertà di pensiero.


Domenica 30 dicembre ore 19.00

CONCERTO CONTRABBASSO E PIANOFORTE



Secondo concerto dedicato al contrabbasso con la presenza di Tommaso Fiorini e Gloria Griffini al pianoforte.
Il programma prevede:
Franz Shubert: "Arpeggione Sonata primo movimento"
Giovanni Bottesini: "Concerto no.2 in si minore secondo movimento"
Sergej Koussevitzky: "Concerto in fa# minore primo e secondo movimento"
Giovanni Bottesini: "Elegia in re"


Martedì 1 gennaio ore 19.00

"RADICI" di STEFANO GRASSO FAT TRIO​



"…. Il motore principale è stata la necessità. Penso che ogni cosa che facciamo dovrebbe essere guidata da questo istinto, dal bisogno di fare e in questo caso creare, senza starci troppo a pensare. Ho scelto il piano trio perché a livello timbrico, di registro, tra gli organici piccoli è sicuramente il più completo e inoltre in un momento storico dove si tende a infilare l'elettronica ovunque, questo concerto – che è totalmente acustico – vuole essere anche un omaggio alla tradizione, dal momento che vorrei rendere grazie a Bill Evans, Ahmad Jamal e tanti altri artisti che mi piacciono tantissimo e che porto con me sempre. In più ho scelto questa formazione per la sfida che si cela in questo organico così spoglio, che ti porta a dover cercare di superare sempre questo apparente limite con soluzioni diverse dal consueto…"
Con Marco Confalonieri (pianoforte), Stefano Grasso (batteria), Vito Zeno (contrabbasso).


Mercoledì 2 gennaio ore 19.00

CHRONOCHROMIE



"Chronochromie" è un quintetto d'archi composto da: Elia Leon Mariani, violino; Gabriele Cervia, viola; Simone Ceppetelli, violoncello; Tommaso Fiorini, contrabbasso; Iacopo Rossi, pianoforte.
Presento "Die Forelle", letteralmente "La trota", una composizione di piacevolissimo ascolto che riesce a trasmettere quiete e buonumore, realizzata da Franz Schubert nel periodo più felice della sua vita.


Giovedì 3 Gennaio ore 19.00

"ADAGIO" di e con KARLOS HERRERO



Il mio incontro con la morte e poi la rottura con la mia compagna diedero luogo a un' inondazione che travolse tutto lasciandomi per terra, vuoto. Fu allora che mi appoggiai a Santiago.
Il pupazzo che muovo, Santiago, con la sua vis comica sempre bagnata di malinconia, è più grande e potente di me e mi fa vedere ogni giorno che devo imparare a "non esserci essendoci", a essere spettatore, amare, ma anche qualche lacrima dolce… mi fa sorridere anche di gratitudine e si fa abbracciare.
Un interrogarmi continuo mi ha accompagnato mentre mettevo piede, con Santiago, in territori inesplorati
Qual è l'ambito, la misura? I respiri, i silenzi saranno compresi, compartiti, "convissuti"? oppure il rumore delle parole riempirà i vuoti, spingendo a lato quello che si dice senza parlare, che ha bisogno di un occhio attento per mostrarsi, vivere e spingersi in volo oltre le forme, per espandersi, sparire e connetterci con quell'energia che semplicemente è?


Venerdì 4 gennaio ore 19.00

"DUO" con PINO DISTASO alla chitarra e LUCA COLOMBO al violoncello



Il concerto presenta nuove composizioni di Pino Distaso. La forma scelta è quella del duo, che apre dimensioni di dialogo tra i due strumenti a corda: le diverse sfere sonore della chitarra acustica e del violoncello si fondono o si oppongono nella natura armonica e melodica dei temi trattati.


Sabato 5 gennaio ore 19.00

MITOKA SAMBA



L'orchestra Mitoka Samba, fondata nel 1992, rappresenta oggi il punto di forza dell'omonima associazione culturale che si impegna a diffondere la storia e la cultura brasiliana attraverso la musica.
Si tratta di un'Orchestra interamente formata da strumenti a percussione, tipici delle Baterie di samba: rullante, agogò, pandeiro, surdo, tamborim, timba, caxixì, repinique e cuica. Grazie all'entusiasmo dell'attuale direttore artistico Jacopo Pellegrini, l'orchestra è in continua evoluzione. Al suo interno avviene un costante scambio di esperienze ed
emozioni tra persone di diverse età e professioni, che uniscono le loro energie in un repertorio esplosivo. I suoni e i ritmi presentati tra colori e spontanea allegria, coinvolgono inevitabilmente il pubblico nelle strade, nelle piazze e sui palchi d'Italia!


Domenica 6 gennaio ore 11.00

CONCERTO DI PIANO SOLO con GLORIA GRIFFINI



Programma:
F.Chopin - Notturno op. 9 n. 2; Valzer op. 64 n. 1; Preludio op. 28 n. 3 e n. 4; Fantasia; Improvviso op. 66; Studio op.10 n.3 e n. 12
R.Shumann - dalle "Scene Infantili" op15; "Sogno"
F.Listz - Notturno III - Sogno d'Amore
J.Brahms- Ninna nanna op. 49 n. 4
F.Schubert- Momento Musicale n. 3 op. 94 D780; Improvviso op. 90 n. 3
S.Rachmaninovv - Preludio op. 23 n. 4 n. 5


Domenica 6 gennaio ore 19.00

"LA DISFATTA DI RONCISVALLE" di e con TEATRO PANE E MATE



Nello spettacolo di oggi va scena l'incontro casuale di un teatrante ambulante e di un musicista di strada, che viaggia accompagnato da un piccolo orso: insieme ripercorrono la storia dei paladini di Francia nella battaglia di Roncisvalle, proponendo una riflessione sulla guerra e sulla natura ambivalente dell'animo umano.
Lo spettacolo utilizza tecniche miste: pupazzi a stecca e a vista di grandi dimensioni, teatro d'attore, pupi di latta, il tutto accompagnato da musica dal vivo.
Nasce da una ricerca sui testi della Chanson de Roland e del Morgante di Pulci e sulle musiche e gli strumenti tradizionali dell'Aragon, come il chiflo (flauto a tre fori) e il chicoten (salterio a percussione).


 




TORNA SU